Velasco Vitali

Bellano (CO), 1960
Storie di successo

Nel panorama degli indirizzi che caratterizzano la figurazione contemporanea, Velasco ha scelto certo una delle strade più difficili: quella della semplicità. Intendendo con questo la rinuncia all'eccesso, al desiderio di inventare a tutti i costi qualche cosa di nuovo. Lontano dalle sperimentaizoni su soggetti e materiali insoliti, questo artista ha riscoperto nelle sue opere gli elementi della tradizione pittorica e del suo linguaggio, individuando in essi gli stimoli per una persoanel ricerca di contenuti e i mezzi espressivi. Nelle sue tele, generalmente di grandi dimensioni, si susseguono, accanto ai ritratti, scenari urbani, periferie deserte e scorci paesaggistici. E' la trascrizione di un mondo naturale che rimanda a realtà nascoste in un'atmosfera drammatica, in bilico tra riflessioni neorealiste e una sorta di esperessionismo materico, giocato sulla strutturazione ricercata delle immagini, sullo studio delle "linee energetiche" e degli equilibri compositivi.

Ha partecipato al 2° e al 3° Premio Cairo nel 2001 e nel 2002.

Veduta, 2019, olio su tela, cm 210x1045